Pensi che ci sia di più nel coronavirus di quello che ci viene detto? Non pensi che i governi stiano reagendo troppo fortemente a causa di un virus che molti sostengono non sia così pericoloso?


Risposta 1:

Gli esperti in sempre più paesi indicano le loro origini a una superpotenza. Ti ricordi una notizia che a febbraio 2019, un gran numero di pazienti con polmonite inspiegabile sono scoppiati negli Stati Uniti, quando la causa è stata segnalata dal fumo di sigarette elettroniche. Tuttavia, un gran numero di persone in tutto il mondo fumano sigarette elettroniche, ma nessuno ha la polmonite. Quando questa ragione era insostenibile, si diceva che la polmonite sconosciuta fosse causata da un focolaio di influenza B. Ora la polmonite è accusata di aver mangiato pipistrelli dai cinesi, il che è ancora più ridicolo. I cinesi non mangiano affatto pipistrelli e diversi paesi arretrati che hanno una tradizione di mangiare pipistrelli non hanno avuto una nuova corona di polmonite. La Cina è il primo Paese a rilevare il virus, ma non è il primo Paese ad avere un'epidemia. Scienziati di diversi paesi hanno confermato che il COVID-19 cinese ha solo uno dei cinque agenti patogeni, il ceppo C, e i pazienti in una superpotenza hanno tutti e cinque gli ABCDE. Ogni fonte di tensione. Nell'ottobre 2019, il Johns Hopkins Medical Center negli Stati Uniti ha ospitato una prova della peste chiamata Case 201, riunendo 15 figure chiave nelle professioni politiche, economiche e mediche di vari paesi, tra cui Avril Haynes, che era una ex CIA, e L'accademico Gao Fu, direttore del China CDC!

Lo scopo dell'anteprima è: se la nuova epidemia di corona si diffonde negli Stati Uniti, come dovrebbero rispondere gli Stati Uniti e gli altri paesi?

Il 17-28 ottobre 2019, il 7 ° World Military Games si è tenuto a Wuhan. La delegazione americana ha inviato un'enorme squadra di 369 persone senza vincere medaglie d'oro. Perché la potenza militare numero uno al mondo invia giocatori così deboli a partecipare?

Non dimenticare una cosa. La base di addestramento di oltre 300 rappresentanti militari inviati dagli Stati Uniti a Wuhan, nella provincia di Hubei, si trova vicino al sito di ricerca biochimica di Fort Detrick (è stato riferito nel settembre 2011 che questo studio sul virus Ebola e sul vaiolo (laboratori biochimici altamente fatali come come l'antrace, ecc., furono improvvisamente e urgentemente chiusi e isolati per la distruzione).

Numerosi fatti dimostrano che la cosiddetta epidemia di influenza che è scoppiata negli Stati Uniti lo scorso settembre è stata in realtà un'epidemia mista di influenza e nuova polmonite corona. Gli Stati Uniti hanno lanciato una guerra commerciale per più di un anno e non hanno sconfitto la Cina. È possibile per gli Stati Uniti portare deliberatamente il virus in Cina per lanciare una guerra biochimica? Giudichi per te stesso.


Risposta 2:

Come ho scritto altrove:

Covid-19 ha un tasso di mortalità dall'1 al 2%. Questo è da 10 a 20 volte quello dell'influenza, ma potresti ancora pensare che sia basso e se si diffonde avresti buone possibilità di sopravvivere anche se ce l'hai. Grande. Qualunque cosa. Questo non è il punto.

Supponiamo che il 50% della popolazione ottenga. La Cina ritiene che il 5% delle vittime avesse bisogno di cure intensive. E come sopra, l'1 o il 2% muore (la variabilità delle stime non è in grado di sapere esattamente quanti casi non diagnosticati potrebbero essersi verificati).

Ecco IL PUNTO: Se quel 50% cattura il virus TUTTO ALLO STESSO TEMPO, o anche SOLO PER UN PERIODO DI MESI, allora il sistema sanitario è completamente sommerso. Il tasso di mortalità aumenta (perché non è possibile inserire il 5% del 50%, o il 2,5% dell'intera popolazione, in unità di terapia intensiva TUTTO ALLO STESSO TEMPO) e i decessi per altre condizioni aumentano perché ogni medico disponibile è occupato (e alcuni sono ammalati, ovviamente).

Quindi no, i governi NON reagiscono in modo eccessivo. Non esiste un vaccino e nessuna immunità perché questa è una malattia nuova di zecca. L'unica cosa che impedisce di diffondersi molto rapidamente è un'azione drastica. I governi stanno cercando di mantenere il "numero di nuovi casi alla settimana" il più basso possibile e non tra le centinaia di migliaia o milioni, il che è ciò che accadrebbe se nessuno facesse qualcosa. Non stanno cercando di fermarlo, perché nessuno può.


Risposta 3:

No. Penso che i governi stiano reagendo in modo appropriato al virus come ci stanno dicendo.

Quello che potresti fare è prestare troppa attenzione alla letalità del virus, che è bassa ma non trascurabile, e alla sua infettività, che è davvero molto alta.

È altamente probabile che il coronavirus alla fine infetti più della metà della popolazione totale. A meno che non riceviamo un vaccino, ma ci vogliono mesi. E anche se il virus uccide solo il 2%, inferiore alle ultime stime, rimane comunque l'1% della popolazione totale in punto di morte - che è un sacco di gente.

Ma se non facciamo nulla, la situazione peggiora. Se non facciamo nulla, si schianterà attraverso il paese con un'onda ad alta velocità e tutti lo riceveranno entro due mesi circa. E, mentre tre quarti avranno solo effetti minori, circa il 15% avrà bisogno di cure ospedaliere. E gli ospedali semplicemente non possono gestire un sesto della popolazione che necessita di cure, specialmente quando forse il 30% del personale è ammalato. E l'economia nel suo insieme non può gestire contemporaneamente 1/6 di tutti i lavoratori malati.

Se riusciremo a rallentare la diffusione della malattia, sarà solo grave come un brutto anno influenzale. E ci sarà tempo per sviluppare e produrre in serie un vaccino prima che l'onda raggiunga il picco, tagliando la parte superiore dell'onda proprio in basso. Ma questo significa fare tutto ciò che il governo sta dicendo. Dobbiamo diffondere l'ondata di infezione, il che richiede a tutti noi di farlo.

Quindi non è l'assoluta letalità che conta. Ci sono altre malattie molto più letali in giro. È l'infettività che conta.

Quindi penso che i governi stiano reagendo correttamente a una malattia lievemente pericolosa, altamente infettiva, a zero immunità.