Pensi che il coronavirus cinese sia una vera minaccia o sovrastato dai media?


Risposta 1:

È una vera minaccia? I moscerini sono una "vera minaccia" se ti ronzano negli occhi e ti distraggono mentre guidano facendoti schiantare contro il traffico in arrivo. Una vera PICCOLA possibilità.

L'influenza è una "vera minaccia" - tasso di mortalità dello 0,1%. Migliaia e migliaia di persone muoiono di influenza "normale" ogni anno in tutto il mondo e dovremmo ottenere i nostri vaccini antinfluenzali annuali. Dovrebbe evitare di toccare le maniglie delle porte pubbliche. Copri la nostra tosse.

Attualmente COVID-19 sembra avere un tasso di mortalità del 2%.

È circa la stessa percentuale di persone sulla Terra morte nella seconda guerra mondiale. Ha il potenziale per essere molto significativo, ma probabilmente non spazzerà via la razza umana.

Anche se la Cina sta nascondendo i suoi dati e il virus è super esplosivo ma lo stanno stupidamente nascondendo (i cinesi sono SUPER STUPID quando si tratta di "oh dobbiamo salvare la faccia" - che branco di IDIOTI !!!), alcuni esseri umani sulla terra sopravviveranno.

Troppo pubblicizzato? Assolutamente no. Non è quello che fanno i media / le notizie: fornire informazioni ragionate, adeguatamente studiate, complete, complete e accurate. È il lavoro dei media per esagerare con le cose. In realtà, non penso che le persone lo prendano abbastanza sul serio solo per ottenere le informazioni di base al riguardo, e hanno fatto IRRESPONSIBILI DOMANDE DI DISMISSIONE SU QUORA come se fosse una sorta di cospirazione.

E anche un tasso di mortalità del 20% dovrebbe dare sollievo ad ALCUNE persone. Anche se tutti vengono infettati -

“Quindi mi stai dicendo che c'è una possibilità! SI!"

Ed è un tasso di sopravvivenza molto migliore di 1 su un milione.


Risposta 2:
  • È un nuovo virus, quindi vengono testati tutti i possibili metodi di trattamento. Quindi ti aspetti di avere un tasso di mortalità più elevato all'inizio, come quasi tutte le malattie. È spaventoso.
  • Il medico cinese intervistato aveva dichiarato che se fosse riuscito a rifarlo avrebbe messo più pazienti sotto paralisi del sonno lasciando che i respiratori prendessero il controllo. Ciò sembra ridurre i tassi di mortalità.
  • Il tasso di mortalità attuale è del 3,6%, combinato.
  • L'80% non presenta sintomi gravi che richiedono il ricovero in ospedale. Quindi solo il 20% infetto ha bisogno di intubazione, respiratori ecc.
  • Se la Cina non fosse stata messa in quarantena, si sarebbe diffusa dappertutto e il 20% della popolazione in ospedale avrebbe travolto l'ospedale e causato mortalità collaterale da coloro che soffrono di altre malattie. Quindi è una vera minaccia, ma questa malattia è gestibile, curabile. Quindi la vera minaccia risiede nella schiacciante insufficiente struttura ospedaliera.
  • A partire da ora non esiste un certo trattamento, ma alcuni farmaci sono stati usati presumibilmente con successo. Devono fare uno studio in doppio cieco per accertarlo. Remdesivir, oseltamivir con combinazione di lopinavir.
  • Un vaccino verrà sviluppato tra un anno, questo non è uno scenario di guerra mondiale ma è serio.

Risposta 3:

Solo secondo me -

Il modo in cui si sta diffondendo e molto rapidamente, in 2/3 settimane è passato da 28 paesi a 65 questa mattina e ora alle, Ultimo aggiornamento: 01 marzo 2020, 19:00 GMT, * 8 ore prima dell'orario) è 67 .

A partire da questa mattina 88.339 casi, + 3.001 morti di nuovo, e recuperati aumentati a 42.728.

Credo che il Regno Unito abbia trovato 12 nuovi casi, gli USA 5 con un solo decesso. E un nuovo caso in Nuova Zelanda, che pensavo non ci sarebbe mai arrivato, e 11 paesi che hanno riportato tutti i casi recuperati, nessun decesso, nessun grave, nessun nuovo caso.

L'influenza, da sola in questa stagione, ha coinvolto 81.359 persone, per fortuna sa quante persone ce l'hanno, poiché tutti non si preoccupano di vedere un medico o di andare in ospedale, secondo me, è un problema più grande di questo nuovo virus.

Ma i social media e il modo in cui i paesi stanno bloccando le aree, per cercare di fermare la diffusione, che ovviamente non funziona, e tutti i miti che vanno in giro, sta causando un sacco di panico, che non è necessario, se le persone si prendono cura e seguire le regole igieniche, tenere lontano da chiunque tossisca / starnutisca, poiché le goccioline sono la parte reale del passaggio a 2,2 persone.

Non riesco e non ho capito perché tutto questo clamore su questo virus e niente sull'influenza.

Ma quello sono io e il mio modo di pensare.

Se vuoi tenere traccia di ciò che sta accadendo, segui questo sito che è aggiornato tutto il giorno.

Aggiornamento del coronavirus (live): 88.339 casi e 3.001 morti per COVID-19 Wuhan China Virus Outbreak


Risposta 4:

Perché pensi che "i media" abbiano qualcosa a che fare con il virus?!? Per l'amor di Dio - PENSATI per te stesso - leggi i rapporti e osserva i video e le foto - e i rapporti sulle morti. Leggi come gli OSPEDALI negli Stati Uniti stanno preparando reparti di isolamento, ecc. LORO non sono governati dai "media", ma dall'Organizzazione mondiale della sanità. E puoi scommettere sul tuo dolce bippy che se l'OMS sta dicendo agli ospedali e agli aeroporti di prepararsi, allora NON è un po 'troppo assillato di assurdità mediatiche.


Risposta 5:

Esiste una vera minaccia dall'influenza come l'infezione trasmessa da virus, ma è chiaramente sovrastata dai media che si stanno quasi combattendo per il titolo sensazionale. Per la maggior parte di coloro che contraggono il virus, ci sarà solo una lieve infezione simil-influenzale. Ciò che è sconosciuto è la capacità del virus di sopravvivere per tutto il tempo necessario per trasmetterlo e, naturalmente, nessuno vuole essere quel caso fatale in migliaia o più, ma questo è ciò che l'influenza fa ogni anno. È necessario un senso delle proporzioni, dice chi ha fatto scorta di rotoli di carta igienica oggi!

Le precauzioni annunciate sono sensate, ma dubito che ci sia qualche causa per l'isteria di massa che alcuni media stanno alzando.

Sarah Vine in The Mail oggi lo ha messo molto bene nel dire che potrebbe diventare una pandemia, ma non renderlo un panico-demico.