L'epidemia di coronavirus ha dato a Taiwan un anno in più prima dell'inevitabile riunificazione con la Cina continentale?


Risposta 1:

"L'epidemia di coronavirus ha dato a Taiwan un anno in più prima dell'inevitabile riunificazione con la Cina continentale?"

No.

La Cina e Taiwan non si unificheranno nel 2020, 2021 o nel prossimo futuro per quella materia.

Esistono diversi malintesi presenti nella tua domanda:

  • La Cina era determinata a unificare Taiwan entro il 2020.
  • L'unificazione è inevitabile.
  • L'epidemia di coronavirus ha alcun effetto sui piani della Cina o su come i continenti percepiscono Taiwan.

Esaminiamoli tutti.

Malinteso n. 1: la Cina ha pianificato di prendere Taiwan entro il 2020

Da dove hai avuto l'idea che la Cina fosse determinata a unificarsi con Taiwan entro il 2020? Youtube? China Uncensored? The South China Morning Post?

I media sopra hanno solo

speculato

che la Cina voleva impadronirsi di Taiwan entro il 2020. In realtà, questa speculazione è credibile quanto la previsione di Gordon Chang secondo cui la Cina sarebbe crollata ormai. Tali assunzioni si basavano sull'economia cinese che "sorpassava" gli Stati Uniti, che le forze armate cinesi potevano "superare" gli Stati Uniti e su come l'elezione del presidente Tsai Ing-Wen (e ora la rielezione) ha deteriorato le relazioni transfrontaliere.

Il problema è che, mentre quanto sopra è tecnicamente vero, la Cina sta appena iniziando a superare gli Stati Uniti con la sua economia. Affinché la Cina sia in grado di applicare qualsiasi pressione con la sua economia, dovrà essere molto più grande dell'economia americana, non solo leggermente migliore. E anche se ciò dovesse accadere, c'è solo così tanto da fare. Ad esempio, l'economia americana è molto più grande dell'economia russa. Ciò li ha impediti dalla Russia di annettere la Crimea? No. L'America potrebbe usare la sua economia per prevenire lo sviluppo di armi nucleari nella Corea del Nord? No. Secondo la stessa logica, la Cina può usare la sua economia (ad esempio sanzioni) per impedire la vendita di armi degli Stati Uniti a Taiwan. No, l'hanno già provato, e probabilmente non si fermerà anche se l'economia cinese è negli Stati Uniti ciò che gli Stati Uniti sono in Russia o Corea del Nord in questo momento.

Se le forze armate cinesi potessero superare gli Stati Uniti, ciò non sarebbe abbastanza per impedire loro (e il Giappone per quella materia) di aiutare militarmente Taiwan se la Cina dovesse intraprendere azioni militari contro Taiwan. Le forze armate cinesi dovranno essere esponenzialmente al di là delle capacità dei militari di Taiwan, degli Stati Uniti e del Giappone affinché si concretizzi qualsiasi vantaggio tangibile, e anche in questo caso la loro vittoria non è garantita. Non vi è alcuna quantità di denaro, addestramento militare e hardware militare che può cambiare il fatto che Taiwan è estremamente montuosa e quindi insondabilmente difficile da conquistare, che Taiwan si trova a oltre 100 miglia dalla Cina

via mare, e l'orrenda posizione geografica di Taiwan lo rende un bersaglio per alcuni dei peggiori tempo e tifoni.

Bisogna anche considerare che Taiwan non arruola più tutta la sua popolazione maschile. Alcune persone pensano che questa decisione danneggerà Taiwan e incoraggerà la Cina a intraprendere azioni militari. Questo non è il caso. La differenza tra un esercito arruolato e un esercito volontario in cui tutti i suoi membri sono nell'esercito come carriera è questa: un esercito arruolato ha un gran numero di soldati che sono costretti a far parte dell'esercito, mentre sono noti eserciti volontari essere infinitamente più ben preparati e armati. Storicamente gli eserciti arruolati hanno avuto più problemi con il morale, mentre gli eserciti volontari non hanno problemi con il morale. Inoltre, uno scontro militare tra Cina e Taiwan, non importa come lo giri, sarà una guerra difensiva per Taiwan e una guerra offensiva per la Cina.

Alcuni sosterranno che la Cina e il suo PLA non dovranno preoccuparsi del problema morale o del problema della guerra offensiva perché i cinesi vedono Taiwan come parte inseparabile della Cina e faranno di tutto per accettarlo.

Diamo un'occhiata a un esempio che ricorda leggermente questa situazione.

Nel 1967, lo Stato di Israele aveva solo 19 anni, ma aveva problemi con i vicini Libano, Siria, Giordania, Egitto e l'intero mondo arabo e persino musulmano. Il presidente egiziano Gamal Abdul Nasser sognava un unico stato socialista arabo unificato, in modo tale che tutti gli arabi dal Marocco all'Iraq sarebbero stati parte di un paese. Molti in tutto il mondo arabo erano d'accordo con lui e trovavano la sua visione elettricamente eccitante. C'era solo un ostacolo alla sua visione: Israele. Israele era uno stato ebraico in un mondo arabo e gli arabi generalmente percepivano Israele che occupava la terra degli arabi palestinesi.

Nel 1967, l'Egitto ricevette false informazioni dall'Unione Sovietica secondo cui Israele stava pianificando di attaccare la Siria, il che portò l'Egitto a guidare la Siria e la Giordania in un'offensiva contro Israele. Gli eserciti arabi erano equipaggiati con l'ultima tecnologia militare sovietica e il loro numero superava di gran lunga quello di Israele. L'intero mondo arabo era così eccitato. Si aspettavano che gli eserciti arabi congiunti avrebbero finalmente sconfitto Israele, liberato la Palestina e infine raggiunto la repubblica araba socialista unificata che Abdul Nasser sognava.

Ma ciò non è accaduto. Israele ha sconfitto tutti i suoi avversari in sei giorni, in quella che sarebbe stata conosciuta come la Guerra dei Sei Giorni, e hanno ottenuto questa vittoria senza l'aiuto degli Stati Uniti. Hanno vinto perché gli israeliani sapevano che se avessero perso quella guerra, il loro paese e il loro stile di vita sarebbero stati portati via da loro. Hanno anche vinto perché avevano un morale alto. Ci furono molti carri armati e avamposti egiziani e siriani che furono abbandonati una volta che i combattimenti iniziarono e non vi fu alcun livello di eccitazione o determinazione per liberare il popolo palestinese che avrebbe potuto impedire loro di perdere il morale una volta che quelle parole diventarono improvvisamente una vera azione militare. Questa perdita di morale derivò dall'attacco a Israele che era una guerra offensiva e perché si resero conto di cosa stavano entrando solo una volta che i combattimenti iniziarono effettivamente.

Molto probabilmente la Cina incontrerebbe lo stesso se invadesse Taiwan. Può dotarsi di tutto l'hardware militare che vuole e inviare tutti i messaggi di come "Taiwan deve essere liberata per raggiungere una Cina unificata" come vuole, ma ciò non cambia il fatto che avrebbe scatenato una guerra offensiva contro Taiwan, che l'esercito taiwanese avrà un morale alto e il popolo taiwanese avrà una forte volontà di resistere all'occupazione cinese e che gli Stati Uniti e il Giappone proteggeranno Taiwan militarmente. Taiwan combatterà il più forte possibile per proteggere e sostenere il suo stile di vita e utilizzerà qualsiasi metodo possibile per proteggersi. Ricorda, è stato estremamente difficile per gli americani combattere il Viet Cong proprio per questi motivi.

La Cina ha ancora molta strada da percorrere prima che il divario nella potenza militare e le influenze economiche riducano completamente quello dell'America. In ogni caso, anche se la Cina riuscisse a catturare Taiwan con mezzi militari nel 2020, ciò non significa che il conflitto finirà nel 2020. La Cina dovrà trovare un modo per sopprimere 23 milioni di nuovi residenti arrabbiati come toglie i loro diritti umani e la loro dignità, e il mondo non starà zitto se ciò dovesse accadere.

La Cina perderebbe molti partner commerciali e l'intera regione sarebbe destabilizzata con i vicini della Cina armati fino ai denti poiché la Cina avrebbe appena dimostrato che la loro ascesa non è pacifica.

Non è chiaro che la Cina abbia un piano ampio e decisivo per affrontare tutto questo se tenterà di invadere quest'anno.

Ma abbastanza per i militari. C'è un'altra area che ha portato alcuni a prevedere che il 2020 è stato l'anno magico per la Cina di unificare Taiwan. Tsai Ing-Wen e il DPP non sono stati buoni per le relazioni incrociate. La Cina sperava che le cose potessero migliorare nel 2020, dati i risultati delle elezioni di medio termine del 2018, quando il KMT ha ottenuto la maggioranza.

Tuttavia, come tutti sappiamo, Tsai Ing-Wen è stato rieletto nel 2020. Mentre alcuni potrebbero pensare che ciò renda più probabile lo scontro tra Cina e Taiwan, dubito che la Cina stia pensando in questo modo. La sconfitta di Han Kuo-Yu contro Tsai Ing-Wen ha portato il KMT in una grave modalità di ristrutturazione e rabbia. Le elezioni del 2020 sono state interpretate dalla maggior parte del mondo come un referendum su quanto vicino alla Cina i taiwanesi vogliono essere. Il KMT lo sa e probabilmente cambierà marcia per far capire al popolo taiwanese che non ha intenzione di vendere Taiwan, la sua sovranità, i diritti e le libertà di cui gode il popolo taiwanese. Inoltre, come ogni democrazia multipartitica, è estremamente improbabile che il DPP rimanga al potere per sempre. Le democrazie sono come pendoli ed è probabile che il pendolo tornerà al KMT. Ciò non accadrà nel 2020, tuttavia, e non porterà all'unificazione.

C'è un altro elemento nel mito del 2020 che molti dimenticano:

Le Olimpiadi di Tokyo 2020!

Qualsiasi tipo di scontro militare tra Cina e Taiwan coinvolgerà sicuramente sia il Giappone che gli Stati Uniti.

La Cina ha suggerito di poter attaccare obiettivi militari a Okinawa e nelle isole circostanti prima di invadere, in modo che gli Stati Uniti non possano rispondere così rapidamente.

Ora pensa, quest'anno ci saranno molte più persone in visita in Giappone rispetto a qualsiasi altro anno solo a causa delle Olimpiadi. Molti andranno in Giappone per la prima volta nella loro vita e vorranno vedere quanti più posti possibile, incluso Okinawa.

Come cercherebbe la Cina se stanno conducendo una guerra appena fuori le Olimpiadi con il mondo intero che li osserva?

La realtà è che un accordo tra Cina e Taiwan per porre fine allo stallo richiederà molto più tempo e pazienza. A giudicare dallo stato attuale delle relazioni incrociate e dai problemi militari che ho menzionato in precedenza, è improbabile che Cina e Taiwan si uniranno quest'anno, l'anno prossimo o nel prossimo futuro.

Malinteso n. 2: l'unificazione è inevitabile

L'unificazione è davvero inevitabile? Se d'ora in poi Cina e Taiwan non faranno nulla, Taiwan tornerà in Cina come se l'unificazione fosse una forza della natura?

No.

L'argomento secondo cui l'unificazione è inevitabile è un mezzo per cercare di rompere il morale del popolo taiwanese e fargli perdere ogni speranza e sottomettersi alla Cina.

Il problema è che maggiore è la pressione esercitata dalla Cina su Taiwan, più dice loro che l'unificazione è inevitabile, più li chiama "compatrioti" ma poi punta i missili contro di loro e minaccia la violenza contro di loro, più la Cina cerca di isolare Taiwan,

più forte diventa la volontà del popolo taiwanese.

L'attuale approccio della Cina all'unificazione è un fallimento completo.

La Cina cerca pateticamente di conquistare i cuori e le menti dei taiwanesi definendoli "compatrioti", dando loro incentivi economici e offrendo loro posti nelle università. La Cina sta inoltre cercando di rendere l'economia di Taiwan più dipendente dalla Cina, in modo che alla fine la Cina possa utilizzare detti legami economici come strumento di contrattazione per convincere gli elettori di Taiwan a votare un candidato all'unificazione.

Il motivo per cui questo non funziona è perché la Cina non può chiamare il popolo taiwanese "compatrioti" e puntare missili sull'isola e minacciare di rovesciare violentemente il loro governo eletto democraticamente e togliere le libertà di cui godono.

Non è così che tratti i connazionali.

Se la Cina è seria riguardo all'unificazione, deve rispondere alle seguenti domande:

  • Se si verifica l'unificazione, come farà la Cina a proteggere la libertà di parola a Taiwan?
  • Se si verifica l'unificazione, come farà la Cina a garantire che il popolo di Taiwan non venga gettato in prigione o preso di mira per avere opinioni politiche diverse ed essere politicamente attivo?
  • In caso di unificazione, come farà la Cina a garantire che i taiwanesi non debbano affrontare la censura dei media e di Internet?
  • Se si verifica l'unificazione, come farà la Cina a garantire che il popolo di Taiwan continuerà a essere in grado di eleggere democraticamente i propri politici?
  • In caso di unificazione, come farà la Cina a garantire che buddisti, taoisti e cristiani di Taiwan possano praticare liberamente la loro religione e garantire che templi, chiese e altri siti religiosi siano accessibili come lo sono oggi?
  • Se si verifica l'unificazione, in che modo la Cina garantirà che le attività di Taiwan non subiscano effetti negativi?
  • Se si verifica l'unificazione, in che modo la Cina garantirà che le differenze sociali e culturali che rendono Taiwan diversa dalla Cina non saranno annegate o diminuite?
  • In caso di unificazione, come farà la Cina a garantire che i taiwanesi siano in grado di difendere indefinitamente questi diritti e libertà?

Se la tua risposta a una delle domande precedenti è "La Cina non le garantirà perché, se si verifica l'unificazione, i taiwanesi dovranno fare le cose a modo nostro", allora non prenderai sul serio le preoccupazioni dei taiwanesi e dovresti dimenticare l'unificazione .

I taiwanesi non prenderanno in considerazione l'unificazione a meno che la Cina non crei un piano che affronterà le domande sopra.

La Cina ha anche alcune domande / preoccupazioni che i taiwanesi possono aiutare a risolvere:

  • La Cina è preoccupata per il fatto che senza Taiwan sia vulnerabile al blocco dei suoi nemici nel Pacifico e desidera assicurarsi che abbia un accesso illimitato al Pacifico a tempo indeterminato. Un accordo tra i due potrebbe dare alla Cina un accesso permanente al Pacifico senza la necessità di soggiogare il popolo taiwanese al suo sistema politico e giudiziario.
  • La Cina teme che qualsiasi accordo con Taiwan ispirerà il seperatismo in altre parti della Cina come lo Xinjiang o il Tibet. In realtà vedo molto questo argomento: che "coloro che sostengono l'indipendenza di Taiwan in realtà non si preoccupano di Taiwan, vogliono solo fare del male alla Cina" o "dove tracciate la linea per impedire che altre regioni si ispirino a impegnarsi nel seperatismo “? Bene, la maggior parte disegnerebbe la linea a Taiwan. E ricorda, è probabile che Taiwan non dichiarerà mai l'indipendenza, quindi un accordo tra le due parti non ha bisogno di essere lanciato nello Xinjiang o in Tibet come seperatismo.
  • La Cina è preoccupata per il fatto che Taiwan si riempirà di basi militari statunitensi che proveranno a ferire la Cina. Taiwan può affrontare questo problema accettando di non permettere mai alle forze statunitensi di stabilire basi lì, e può anche consentire a un numero limitato e strettamente limitato di membri militari della RPC di rimanere sull'isola, eliminando così le preoccupazioni militari della Cina senza sacrificare i diritti e le libertà che i cittadini di Taiwan goderne o costringerli a integrarsi nel governo della RPC.
  • La Cina teme che non "liberare" Taiwan provocherà la rabbia dei cittadini cinesi nei confronti del loro governo. Ancora una volta, un tale accordo non significa che Taiwan ottenga l'indipendenza di diritto.

La Cina e Taiwan possono affrontare queste preoccupazioni l'una con l'altra e raggiungere un accordo, ma tale accordo non può comportare cambiamenti nello stile di vita del popolo taiwanese.

Le preoccupazioni che Taiwan e il popolo di Taiwan hanno non sono negoziabili. Se l'unificazione implica che Taiwan non è in grado di sostenere le sue attuali libertà politiche, differenze giudiziarie o stile di vita, il popolo di Taiwan non acconsentirà mai all'unificazione pacifica. E, come accennato in precedenza, sarà incredibilmente difficile per la Cina unificare Taiwan con la forza. Non è una banale operazione militare che può essere realizzata in così poco tempo.

Pertanto, è improbabile che la Cina possa mai unificare Taiwan. Una risoluzione alla situazione di stallo trasversale dovrà essere una sorta di accordo tra Cina e Taiwan in modo tale che Taiwan riesca a mantenere indefinitamente le sue libertà e il suo stile di vita e la Cina possa perseguire i suoi interessi senza sottoporre il popolo di Taiwan alla regola della RPC. Altrimenti, lo status quo continuerà.

L'indipendenza, l'unificazione o una versione di One Country Two Systems non sono più opzioni praticabili per Taiwan, e la prova di ciò è che lo status quo è andato avanti per tutto il tempo. Altrimenti, l'unificazione sarebbe già avvenuta.

Questo è dire.

Malinteso n. 3: l'epidemia di coronavirus ha alcun effetto sui piani della Cina o su come i continenti percepiscono Taiwan.

Abbiamo già discusso approfonditamente perché sarà così difficile unificare Cina e Taiwan. Ora, pensi davvero che il coronavirus sia tanto un punto di svolta? Se l'epidemia non fosse avvenuta, la Cina sarebbe stata in grado di raggiungere l'unificazione perché non avrebbe dovuto concentrarsi sull'epidemia di coronavirus?

No.

La Cina deve ancora implementare o elaborare una sorta di strategia diversa dal bullismo e dalla minaccia di Taiwan.

Ho anche notato che nelle risposte di altre persone a questa domanda, sostengono che l'aumento della sinofobia a Taiwan motiverà la Cina a catturare Taiwan.

Se pensi per un momento a cosa significhi, ti renderai conto di che affermazione disgustosa sia.

Quello che stanno dicendo è che la Cina dovrebbe punire tutti i taiwanesi iniziando una guerra sulla loro isola, uccidendo il loro governo e cancellando il loro modo di vivere e le libertà solo a causa di alcuni commenti sinofobici che alcuni taiwanesi hanno fatto. Questo è estremamente immaturo e non diplomatico.

In conclusione, il coronavirus non ha praticamente avuto alcun effetto sulla situazione tra Cina e Taiwan.


Risposta 2:

La situazione è molto fluida. Non si può davvero dire cosa potrebbe accadere.

Tuttavia, il coronavirus ha allontanato le persone a Taiwan dalla RPC. Sono delusi dal modo in cui la RPC ha gestito l'OMS; gli standard medici a Taiwan sono molto alti, quindi potremmo contribuire molto e, in un'epidemia, un flusso gratuito di informazioni è molto importante. Rifiutando dogmaticamente Taiwan di entrare nell'OMS in qualsiasi condizione, la RPC ha alienato molte persone a Taiwan.

A proposito, l'amministrazione Tsai sta gestendo la situazione abbastanza bene, e naturalmente usando questa epidemia con il massimo vantaggio. Ad esempio, 疾 管家, un centro di informazioni sull'epidemia sull'onnipresente App Line, è molto utile per tenere tutti informati ... e gestisce un tema verde costante, il verde è il colore associato alla loro festa.

Ci sono lamentele sulla gestione dell'amministrazione Tsai, come la mancanza di maschere per il viso e il trattamento del personale medico, ma nessuno è perfetto, e nel complesso stanno facendo abbastanza bene. Molto meglio del Giappone !!

Ma tutto potrebbe succedere. Taiwan potrebbe semplicemente allontanarsi lentamente dalla RPC, tentare di dichiarare l'indipendenza o semplicemente fingere che non sia successo nulla. Dopo che l'epidemia si è calmata, Xi potrebbe decidere di toglierci il problema una volta per tutte e di precipitarci addosso; l'esercito del ROC è pietosamente debole, rispetto a quello che era una generazione fa. Oppure Xi potrebbe perdere il controllo e la RPC potrebbe rompersi.

Dal mio punto di vista, penso che le due cose peggiori che potrebbero accadere sarebbero A, la Repubblica di Taiwan viene improvvisamente annunciata, o B, la RPC si rompe. Se viene annunciato il ROT, molto presto l'isola sarà un tripudio di stati litigiosi e puoi dire addio al nostro piacevole stile di vita. Ancora peggio sarebbe una rottura della RPC, perché qualsiasi combattimento sulla terraferma si riverserebbe rapidamente, inevitabilmente, a Taiwan.

Qualcosa che mi preoccupa è che sento che i soldati sudcoreani sono stati esposti al coronavirus. Se il coronavirus indebolisce l'esercito ROK, la Corea del Nord potrebbe spostarsi a sud e Xi potrebbe avere troppo da fare per affrontarlo. Trump "ama Kim" (con le sue stesse parole) ed è stato completamente preso in giro da lui, quindi non c'è modo in cui gli Stati Uniti possano affrontare quella situazione, specialmente da quando Trump ha indebolito l'esercito americano nella penisola coreana. Taiwan potrebbe cavalcare le conseguenze?

Un altro problema preoccupante è che, a causa delle Olimpiadi, il Giappone ha cercato di far finta che il coronavirus non esistesse. Questo è improbabile, ma non impossibile: il Giappone è devastato dal coronavirus senza controllo, quindi la Corea del Nord dice alla Corea del Sud, dimentichiamoci delle differenze, siamo tutti coreani, andiamo al Giappone! Questo è improbabile, ma non impossibile, e provocherebbe un caos assoluto. Taiwan non è abbastanza grande o abbastanza forte per resistere al caos.

Inoltre, gli Stati Uniti non sono preparati per il coronavirus e se pensi che Mike Pence sarà in grado di gestire la situazione, hai molta più fiducia nella preghiera di me. Il GOP ha mantenuto con successo le cure mediche da una grande parte della popolazione degli Stati Uniti. Di '(cane proibito!) Il coronavirus spazza gli Stati Uniti come la Morte Nera. Trump avrebbe consegnato le redini a Putin, e l'intera situazione internazionale sarebbe caduta. Supponiamo che Xi abbia avuto problemi a mantenere lo status quo e che un generale si sia improvvisamente rotto e ha portato il suo esercito a Taiwan. Con il caos internazionale, nessuno presterebbe molta attenzione alla piccola Taiwan.

Taiwan è un posto meraviglioso in cui vivere e ne faccio tesoro. Ma il coronavirus getta tutto in confusione. Se mi hai chiesto di fare una previsione su cosa accadrà quest'anno, l'unica cosa che posso dire con sicurezza è che il sole continuerà a sorgere a est.


Risposta 3:

No.

Nel mondo c'era un malinteso generale secondo cui il destino di Taiwan è nelle mani del popolo taiwanese, e il popolo taiwanese ha una scelta o una parola, il che è completamente sbagliato.

Prima di tutto, la Cina ha voce in capitolo

QUANDO

vogliono "riunirsi" con Taiwan, mediante la forza militare.

In secondo luogo, gli Stati Uniti hanno voce in capitolo sull'opportunità o meno

RISPONDERE

lasciare che la Cina prendesse il controllo di Taiwan, mediante un intervento militare diretto o un embargo simile agli embargo ABCD nella seconda guerra mondiale per far morire di fame la Cina.

Inoltre, c'è una possibilità per la Cina di assimilare pacificamente Taiwan in Cina, ma richiederà il consenso di

sia gli Stati Uniti che Taiwan.

Il che credo personalmente sia molto più difficile da realizzare rispetto al lancio di un'acquisizione militare.

Il terzo caso è un'estensione del secondo caso, mi riferisco a questo come lo scenario della Polonia, in cui la Cina ha invaso Taiwan, mentre gli Stati Uniti ei suoi alleati chiudono un occhio, in questo caso Taiwan finirà per combattere da solo fino a quando non capitoleremo.

A dire il vero, penso che dovresti essere più preoccupato di come sarà il 2020, finora i primi due mesi ci hanno consegnato

MODO TROPPO

le cattive notizie sono paragonabili a un anno normale.


Risposta 4:

In realtà, questo è un anno davvero insolito. È il primo anno in cui sembra che la riunificazione NON sembri "inevitabile". La vittoria decisiva (di 2,5 milioni di 8 milioni di voti) nella rielezione del presidente di Taiwan - principalmente perché ha attratto i giovani - fa sembrare che Taiwan non si riunirà MAI A MENO CHE il Partito Comunista decida di imitare il KMT (KMD oggi) Fai festa e diventa veramente democratico. Taiwan DOVREBBE unirsi a una Cina democratica. I giovani lo lasciavano a frotte per lavoro sulla terraferma. Ma il successo dei manifestanti di Hong Kong ha cambiato la percezione della RPC per i giovani. A loro piace la libertà e non si arrenderanno.

È un momento imbarazzante per la RPC. Ha fatto la più grande riorganizzazione del PLA dal 1950 e ha bisogno di ANNI per risolverlo prima di poter tentare una grande battaglia. In effetti, invadere Taiwan sarebbe la seconda più grande invasione anfibia della storia, dopo il D Day. La Cina non ha esperienza nemmeno nelle operazioni con anfibi di medie dimensioni - sebbene il PLA abbia sviluppato una dottrina anfibia su piccola scala di successo (dopo numerosi fallimenti) negli anni '50 - e oggi sta costruendo una forza anfibia di media scala. Spetta a combattere su piccole isole (ad esempio isole del Mar Cinese Meridionale o Isole Senkaku del Mar Cinese Orientale). NON dipende dall'invasione di Okinawa o Taiwan. Scrivo come esperto marinaio di anfibi e studioso di operazioni navali nel Pacifico occidentale per oltre mezzo secolo. Io stesso ho transitato lo stretto di Taiwan sei volte su una nave della Marina americana. Sono stato colpito dal vento di un basso ROC F-5 volante che è passato TRA le nostre pile! Un ragazzo del radar, sono corso al ripetitore del ponte e sono passato da tre diversi set di radar - NESSUNO di loro poteva seguire quell'aereo - era troppo basso. Sottovalutare il ROC è un grosso errore.


Risposta 5:

Non vedo alcun appetito schiacciante da parte dei cittadini di Taiwan per la riunificazione. Fai ? Se sì, dove? . Prova per favore.

In assenza di appetito da parte dei taiwanesi per la riunificazione, ciò non può accadere.

Per favore, vai a guardare una mappa. Guarda quante miglia di roba bagnata blu ci sono tra Taiwan e la Cina. Circa 180 chilometri. Ora risale al 1940, quando l'esercito più potente del giorno era pronto a invadere un'altra piccola isola a soli 35 chilometri di distanza. E fallito.

Taiwan ha un esercito di riserva di un milione e mezzo. La RPC ha un esercito di 2 milioni. Gli attaccanti hanno bisogno di un vantaggio da tre a uno

sulla terra

. La RPC avrebbe bisogno di un esercito almeno 6 volte più grande delle dimensioni attuali per realizzare una cosa del genere. E ci vorrebbe

orrendo

vittime

così facendo. E oltre a ciò avrebbe aperto enormi vulnerabilità sul suo perimetro. Nell'estremo occidente, in Tibet e nel sud, dove il Vietnam è infastidito dal comportamento della Cina.

E poi c'è il

NOI

anche da considerare. Il che complica le cose cento volte.

Un'invasione è un

idea follemente stupida

. Se sei un bigotto anti-cinese che si pone come un "patriota cinese" che vuole vedere milioni di cinesi morti su entrambi i lati, vai e sii intimo con te stesso. Se sei cinese, per favore, per l'amor del cielo, prendi un libro.