I gatti possono ottenere il coronavirus?


Risposta 1:

Rispondere alla richiesta di risposta:

I gatti possono ottenere il coronavirus?

Questa risposta dovrebbe funzionare anche per

Felix Del Valle

che aveva una domanda molto simile.

I gatti possono ottenere il coronavirus? A partire dal 13 marzo 2020 la risposta sembra essere

possibilmente

. In precedenza si pensava che avessero la propria versione di questo virus, ma tutto ciò è cambiato quando un cane Pomeranian a Hong Kong è stato infettato a seguito di essere stato baciato dal suo umano che aveva acquisito la malattia.

L'OMS ha cambiato posizione su coronavirus e animali domestici

Se un cane può essere infettato, forse anche un gatto può farlo.

David Grimm, scrivendo per Science Magazine il 12 marzo 2020, ha pubblicato un rapporto di una conversazione con Shelley Rankin, un microbiologo presso la School of Veterinary Medicine dell'Università di Pennsylvania, a Filadelfia, il cui laboratorio fa parte del Dipartimento di ricerca veterinaria e di ricerca veterinaria degli Stati Uniti e Response Network, un collettivo di laboratori diagnostici veterinari che potrebbe aiutare a determinare l'impatto della pandemia sugli animali domestici e su altri animali.

Sto citando alcuni passaggi dell'articolo che sembrano i più pertinenti. Puoi trovare l'intero articolo su

Metti in quarantena il gatto? Disinfettare il cane? Gli ultimi consigli sul coronavirus e sui tuoi animali domestici

D: Possiamo trasmettere il nuovo coronavirus ai nostri animali domestici?

UN:

Il virus SARS-CoV-2 si diffonde dall'uomo all'uomo. Non ci sono ricerche per sostenere la diffusione da uomo a animale in questo momento. I campioni del cane di Hong Kong presentavano un piccolo numero di particelle virali. In un animale senza segni clinici di malattia, è difficile dire cosa significhi. Si è trattato di un singolo caso e abbiamo appreso che dobbiamo fare molte più ricerche sul potenziale del virus SARS-CoV-19 umano per infettare gli animali.

Detto questo, anche cani e gatti sono mammiferi. Hanno molti degli stessi tipi di recettori sulle loro cellule che facciamo. Quindi il virus potrebbe teoricamente legarsi a questi recettori. Ma entrerà nelle loro celle e si replicherà? Probabilmente no.

Tuttavia, le persone infette da SARS-CoV-19 dovrebbero limitare il contatto con i loro animali domestici. Lavati le mani e non lasciarti leccare sul viso. Se il virus è nelle tue secrezioni e c'è qualche potenziale di trasmissione, questi sono modi in cui potrebbe essere trasmesso.

D: Gli animali domestici possono fungere da serbatoio del virus e restituirlo a noi?

UN:

Se gli animali domestici possono essere infettati, e non sappiamo se possono, allora sì, potrebbero fungere da serbatoio. E in quel caso, avremmo bisogno di gestirli allo stesso modo in cui trattiamo i casi umani. Dovremmo capire come trattarli. Come gli ospedali umani, gli ospedali veterinari dovrebbero essere preparati a un aumento del numero di casi.

D: Metteremo in quarantena anche i nostri animali domestici?

UN:

Sì, proprio come gli umani, alcuni potrebbero essere messi in quarantena in ospedale. O un rifugio. O anche un asilo per cani. Se avessero il virus ma non fossero malati, potresti metterli in quarantena a casa. Vorresti limitare il tuo contatto con loro. Forse tenerli in una camera da letto lontano da altre persone e animali. Ti piacerebbe lavarti le mani frequentemente e magari indossare una maschera quando entri nella stanza.

D: Cosa dovremmo fare adesso per proteggere i nostri animali domestici?

UN:

È importante includere gli animali domestici nella pianificazione della preparazione della famiglia. Se ti ammali e tieni in quarantena, dovresti assicurarti di avere cibo per animali in più a portata di mano. E dovresti rendere i tuoi vicini consapevoli di qualsiasi alimentazione, camminata o farmaci di cui i tuoi animali domestici hanno bisogno nel caso in cui non riesci a tornare a casa. Preparati ora. Vivo da solo con il mio gatto. Ho del cibo in più a portata di mano. Anche se non ne ha bisogno [presto], alla fine lo mangerà.

Metti in quarantena il gatto? Disinfettare il cane? Gli ultimi consigli sul coronavirus e sui tuoi animali domestici

Queste sono le informazioni disponibili a partire da venerdì 13 marzo 2020, ma le situazioni che coinvolgono il caronavirus (COVID-19) stanno cambiando ogni giorno e nuove informazioni potrebbero soppiantare le attuali conoscenze man mano che gli aggiornamenti delle notizie cambiano quotidianamente.

Normalmente scrivo articoli Quora sui gatti e preferisco scrivere sui gatti. Sentiti libero di fare clic sul mio profilo per vederli e, si spera, leggerne alcuni. Spero che troverai articoli utili e divertenti.

Grazie per aver dedicato del tempo a leggere questo.

Provo a rispondere a domande a cui penso di poter rispondere efficacemente ma potrei passare se non conosco la risposta,

o

se in precedenza ho risposto a una domanda molto simile,

o

qualcun altro potrebbe aver risposto alla domanda anche meglio o meglio di me,

o

la risposta può essere trovata facilmente cercando su Google l'argomento. Si prega di notare che ricevo spesso oltre 100 e-mail al giorno e ho anche altre cose nella mia agenda

Non sarò sempre in grado di rispondere alle domande o rispondere personalmente.

Spero che tu capisca e non ti offenda se non pubblico una risposta alle tue domande.


Risposta 2:

Coronavirus nei gatti

Peritonite infettiva felina (FIP) nei gatti

La peritonite infettiva felina (FIP) è una malattia virale nei gatti che porta un'alta mortalità a causa della sua caratteristica aggressività e non risposta alla febbre, insieme ad altre complicazioni. Questa malattia è relativamente elevata nelle famiglie con più gatti rispetto a quelle con un singolo gatto. È difficile diagnosticare, controllare e prevenire e, in caso di epidemie all'interno di allevamenti e allevamenti, può causare un elevato numero di decessi. Molto spesso si diffonde attraverso l'inalazione di contaminanti presenti nell'aria e feci infette, ma il virus può anche essere trasmesso da esseri umani che sono entrati in contatto con il virus o possono rimanere attivi su superfici contaminate.

Questa malattia sfrutta i sistemi immunitari indeboliti e immaturi, diffondendosi attraverso i globuli bianchi mentre si muovono in tutto il corpo. L'incidenza più elevata si riscontra nei gattini dai tre ai tre anni, con un'incidenza che diminuisce drasticamente dopo che i gatti hanno raggiunto i tre anni, quando il sistema immunitario è più forte. Allo stesso modo, i gatti più anziani con un sistema immunitario indebolito hanno anche maggiori probabilità di acquisire questa malattia.

SINTOMI E TIPI

I sintomi della FIP variano a seconda del ceppo del virus coinvolto, dello stato del sistema immunitario del gatto e degli organi interessati. Ci sono due forme riportate, tra cui umido (forma effusiva), che colpisce le cavità del corpo, e secco (forma non effusiva), che colpisce i vari organi. La forma umida tende a progredire più rapidamente della forma secca, in entrambi i casi la condizione corporea soffre, con il pelo che diventa ruvido e opaco, e il gatto diventa sempre più letargico e depresso.

Wet / effusiva

  • Febbre persistente e non rispondente
  • Mancanza di appetito
  • Perdita di peso (graduale)
  • Scarso appetito
  • Diarrea
  • Gonfiore graduale dell'addome (aspetto con la pancia)
  • Accumulo di liquido nella cavità toracica
  • Respirazione difficoltosa
  • Starnuti, naso che cola
  • letargo

Dry / non-effusiva

  • Scarsa crescita nei gattini
  • Anemia
  • itterizia
  • Diarrea
  • Febbre
  • Depressione
  • Infiammazione di varie parti dell'occhio
  • Sintomi neurologici (ad es. Perdita della capacità di coordinare i movimenti, perdita della vista)

spero che questo ti possa aiutare

tra l'altro sono più

Fonte :

New York Times