Virus come il coronavirus sono inattivi inizialmente e attivati ​​da qualcosa? Come possiamo improvvisamente iniziare a vedere i casi?


Risposta 1:

Probabilmente saltano di fronte ad altre specie. In particolare, ma non necessariamente, specie simili all'uomo come scimmie e maiali. Inizialmente probabilmente faranno male - probabilmente sta accadendo tutto il tempo ma l'infezione fallisce. Ma solo occasionalmente scambiano i geni con un altro virus che si è adattato a corpi simili all'uomo. E improvvisamente hai un nuovo virus variante che ha capacità che nessuno dei virus che lo hanno preceduto aveva.

Ciò accade in particolare laddove gli animali vivono vicino agli umani o dove gli animali mangiano animali che hanno avuto molti contatti con altre specie, probabilmente perché tenuti in circostanze contagiose o in natura.


Risposta 2:

Per quanto ne sappiamo, il coronavirus che attualmente infetta l'uomo è endemico nei pipistrelli. Fino a poco tempo fa, infettava solo pipistrelli e non ne sapevamo nulla. Potrebbe aver fatto ammalare i pipistrelli per milioni di anni, per quel che ne sappiamo. Ma per qualche motivo, ha fatto un salto tra le specie per l'uomo, apparentemente in un mercato di Wuhan dove venivano macellati e venduti animali selvatici. È possibile che a un pipistrello sia capitato di captare un ceppo del virus che aveva una mutazione che gli permetteva di infettare gli umani più facilmente, e un umano è appena riuscito a gestire quel pipistrello e catturare il virus.

Questo tipo di salto virale tra specie avviene in qualche parte del mondo ogni pochi decenni. La maggior parte delle malattie che colpiscono l'uomo è originariamente iniziata in altri animali. È un processo naturale e non c'è motivo di lasciarsi prendere dal panico.