Esistono vaccini o trattamenti pre-sviluppati che potrebbero potenzialmente aiutare con l'epidemia di coronavirus?


Risposta 1:

Fase: fase 3

Il remdesivir di Gilead, un trattamento per via endovenosa, è già stato usato per trattare un paziente infetto negli Stati Uniti e sarà presto impiegato in un paio di grandi studi in fase avanzata in Asia. Alla fine di questo mese, Gilead

assumerà circa 1.000 pazienti

diagnosticato con il coronavirus per determinare se dosi multiple di remdesivir possono invertire l'infezione. Gli obiettivi primari sono ridurre la febbre e aiutare i pazienti a uscire dall'ospedale entro due settimane. Il farmaco, che in precedenza aveva fallito in uno studio sul virus Ebola, viene anche studiato in studi più piccoli in Cina e negli Stati Uniti

Moderna Therapeutics

Approccio: vaccino Fase: fase 1

Moderna ha stabilito un record nell'industria farmaceutica con mRNA-1273, un candidato al vaccino identificato appena 42 giorni dopo il sequenziamento del nuovo coronavirus. La società sta lavorando con il National Institutes of Health su uno studio su volontari sani che dovrebbe iniziare il mese prossimo. Se mRNA-1273 si dimostra sicuro, le due organizzazioni arruoleranno centinaia di pazienti in più per determinare se il vaccino protegge dalle infezioni. Il prodotto di Moderna è un filamento sintetico di RNA messaggero, o mRNA, progettato per convincere le cellule corporee a produrre anticorpi contro il virus. La società, fondata nel 2010, non ha ancora ottenuto l'approvazione della Food and Drug Administration per nessuno dei suoi medicinali mRNA.

CureVac

Approccio: Vaccino Fase: preclinico

Come Moderna, CureVac utilizza mRNA artificiale per stimolare la produzione di proteine. E, come Moderna, è così

ottenuto una borsa di studio

dalla non profit Coalition for Epidemic Preparedness Innovations per applicare la sua tecnologia al coronavirus. CureVac ha dichiarato di aspettarsi di avere un candidato pronto per i test umani entro pochi mesi. La società sta inoltre lavorando con CEPI su una tecnologia di produzione mobile di mRNA, che teoricamente consentirebbe agli operatori sanitari di produrre rapidamente vaccini per rispondere sul luogo di un focolaio.

GlaxoSmithKline

Approccio: Vaccino Fase: preclinico

GlaxoSmithKline, uno dei maggiori produttori mondiali di vaccini, sta prestando la sua tecnologia a un'azienda biotecnologica cinese che sta lavorando a un vaccino contro il coronavirus. Secondo un accordo firmato il mese scorso, GSK sta fornendo i suoi adiuvanti proprietari - composti che aumentano l'efficacia dei vaccini - a Clover Biopharmaceuticals, una società privata con sede a Chengdu. L'approccio di Clover prevede l'iniezione di proteine ​​che stimolano una risposta immunitaria, innescando così il corpo per resistere alle infezioni. La società non ha detto quando prevede di avanzare nei test umani.

Inovio Pharmaceuticals

Approccio: Vaccino Fase: preclinico

Inovio ha trascorso gli ultimi quattro decenni a lavorare per trasformare il DNA in medicina e la società ritiene che la sua tecnologia potrebbe generare rapidamente un vaccino per il nuovo coronavirus. In collaborazione con CEPI, Inovio ha ideato un vaccino a DNA che ritiene possa generare anticorpi protettivi e impedire ai pazienti di contrarre infezioni. La compagnia ha

collaborato con un produttore cinese

, Beijing Advaccine Biotechnology, e sta lavorando allo sviluppo preclinico con un candidato chiamato INO-4800. La società prevede di progredire negli studi clinici entro la fine dell'anno.

Supporto STAT:

STAT offre gratuitamente la copertura del coronavirus. Si prega di prendere in considerazione un abbonamento per supportare il nostro giornalismo. Inizia oggi la tua prova gratuita.

Johnson & Johnson

Approccio: vaccino e trattamento Fase: preclinica

Johnson & Johnson, che in passato ha risposto alle epidemie dei virus Ebola e Zika, sta adottando un approccio articolato su coronavirus. La società sta sviluppando un vaccino nei primi giorni per introdurre ai pazienti una versione disattivata del virus, innescando una risposta immunitaria senza causare infezione. Allo stesso tempo, J&J sta lavorando con l'autorità federale di ricerca e sviluppo biomedica avanzata su potenziali trattamenti per i pazienti che sono già infetti, un processo che include lo studio del fatto che uno qualsiasi dei suoi farmaci più vecchi possa funzionare contro il coronavirus.

Regeneron Pharmaceuticals

Approccio: trattamento Fase: preclinico

Regeneron è cresciuto in un'azienda da $ 50 miliardi in base alla sua capacità di fabbricare anticorpi umani con topi geneticamente modificati. Ora sta sfruttando quella tecnologia nella speranza di trattare il coronavirus. La società sta immunizzando i suoi topi generatori di anticorpi con un analogo innocuo del nuovo coronavirus, generando potenziali trattamenti per l'infezione. I risultati degli anticorpi più potenti andranno alla sperimentazione sugli animali e se tutto procede secondo i piani, Regeneron sarà pronto per i test sull'uomo entro la fine dell'estate. L'ultima volta che Regeneron ha intrapreso questo processo, durante l'epidemia di Ebola del 2015, ha prodotto un cocktail di anticorpi che ha raddoppiato il tasso di sopravvivenza per i pazienti trattati.

Relazionato:

Allakos sta eseguendo prove cliniche al contrario, dicono i critici, sollevando domande sul suo farmaco per le malattie digestive

Sanofi

Approccio: Vaccino Fase: preclinico

Sanofi, che ha sviluppato con successo vaccini per la febbre gialla e la difterite, sta lavorando con BARDA per una risposta al coronavirus. L'approccio di Sanofi prevede l'assunzione di parte del DNA del coronavirus e la miscelazione con materiale genetico proveniente da un virus innocuo, creando una chimera che può innescare il sistema immunitario senza far ammalare i pazienti. Sanofi

prevede di avere un candidato al vaccino

testare in laboratorio entro sei mesi e potrebbe essere pronto per testare un vaccino nelle persone entro un anno a 18 mesi. L'approvazione sarebbe probabilmente tra almeno tre anni, afferma la società. In precedenza Sanofi aveva messo la sua tecnologia al servizio della SARS, un parente stretto del nuovo virus.

Vir Biotechnology

Approccio: trattamento Fase: preclinico

Vir Biotechnology, un'azienda focalizzata sulle malattie infettive, ha isolato gli anticorpi delle persone sopravvissute alla SARS, un parente virale del nuovo coronavirus, e sta lavorando per determinare se potrebbero curare l'infezione. In collaborazione con l'imprenditore farmaceutico cinese WuXi Biologics, la Vir con sede a San Francisco è nelle prime fasi di sviluppo e non ha specificato quando prevede di avere prodotti pronti per i test umani. Il CEO di Vir, il veterano di Biogen George Scangos, sta coordinando anche il gruppo commerciale BIO

risposta allo scoppio del coronavirus

.

Circa l'autore

Damian Garde

National Biotech Reporter

Damian copre la biotecnologia e scrive

La newsletter di lettura

.


Risposta 2:

Secondo gli ultimi rapporti dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il nuovo coronavirus ha causato 132 * morti e contagiato 5997 * persone in Cina.

Il virus la cui diffusione è iniziata nella città di Wuhan (Cina) non solo si è diffuso in altre città della Cina, ma si è diffuso anche in tutto il mondo. Con 68 * casi segnalati da un minimo di 15 * paesi, il pianeta.

Tutte le domande poste su Coronavirus - Undrugs


Risposta 3:

Non è possibile "sviluppare" un vaccino in quanto è necessario disporre delle caratteristiche specifiche del materiale virale o batterico per produrre il vaccino. È possibile utilizzare vaccini da virus simili ma non identici e i medicinali stanno provando farmaci anti HIV come trattamento. Inoltre, è probabile che le persone che hanno vissuto un precedente attacco di qualsiasi coronavirus possano avere una certa protezione.


Risposta 4:

Ehi cara, NON esiste alcun trattamento pre-sviluppato per il coronavirus.

Ma il medico può suggerirti con il seguente trattamento. Ad esempio.

Trattamento

Attualmente, non è raccomandato alcun farmaco antivirale per trattare l'infezione con il nuovo coronavirus. Il trattamento è finalizzato ad alleviare i sintomi e può includere:

  • Antidolorifici
  • Sciroppo per la tosse o farmaci
  • riposo
  • Assunzione di liquidi

Se il medico ritiene che tu possa essere curato a casa, potrebbe darti istruzioni speciali, come isolarti il ​​più possibile dalla famiglia mentre sei malato e rimanere a casa per un periodo di tempo. Se sei molto malato, potresti dover essere curato in ospedale.

Grazie.