Le attuali misure adottate dai governi del Giappone e della Corea del Sud sono sufficienti a contenere la diffusione del coronavirus? Dovrebbero essere adottate misure più rigorose per far fronte alla diffusione del nuovo coronavirus?


Risposta 1:

Data la densità di popolazione del Giappone, la diffusione del virus è stata notevolmente lenta e la più alta incidenza è nell'isola meno densamente popolata dell'Hokkaido. I giapponesi hanno affrontato la diffusione come un'indagine epidemiologica piuttosto che dare priorità alla questione sanitaria. La priorità era capire la malattia, come si diffondeva e quali fattori contavano sull'impatto sugli individui. Il risultato è che sono stati condotti meno test per capo di popolazione, rispetto ad altri paesi interessati, il che può significare che la diffusione è stata sotto riportata. I test sono coperti dall'assicurazione sanitaria pubblica dalla metà di febbraio e dovrebbero aumentare, tuttavia il tasso di mortalità non è in linea con altri paesi con un numero simile di casi confermati, ad eccezione degli Stati Uniti, che hanno anche tassi di test problematici. D'altra parte, la Corea del Sud ha uno screening di massa, ma non tutti i test positivi saranno seriamente in pericolo, quindi la sua posizione bassa nella tabella qui sotto. Ovviamente questo è successo più di una settimana fa e il quadro è cambiato in modo significativo, tuttavia è interessante notare che il Giappone e la Francia hanno registrato i loro primi casi il 23 e il 24 gennaio e che i decessi ad oggi sono rispettivamente 22 e 91. Giusto per essere chiari, le morti in Giappone includono coloro che sono stati trovati infetti dopo la morte. La Corea del Sud ha avuto il suo primo caso allo stesso tempo e, nonostante i test di massa, sfortunatamente ha avuto 75 morti.

Quindi sembrerebbe che l'approccio in Giappone abbia successo, almeno attualmente. In Corea del Sud il tasso di infezione ha raggiunto il picco intorno al 3 marzo e i giapponesi hanno previsto che il loro picco sarà ad aprile.

Sebbene esistessero misure come la chiusura delle scuole, non vi è stato nulla di draconiano o severo nelle risposte del governo. Chi può dirlo ma sospetto che l'uso ampio e di routine delle maschere in Giappone abbia probabilmente contribuito a limitare l'impatto più di qualsiasi azione del governo.


Risposta 2:

In Giappone sicuramente no. Non stanno testando le persone, solo i casi estremi. Il test è ridicolmente costoso, circa 18000 yen quando nei paesi attivi al test è di circa 50 euro. Anche in alcuni paesi africani applicano il test a un prezzo basso. Inoltre, pochi giorni fa avevano coperto il test dell'assicurazione sanitaria nazionale giapponese. Ciò significa che il costo può raggiungere i 50 euro solo dopo aver dedotto la copertura assicurativa sanitaria. Ed è ancora molto complicato sottoporsi al test. Uno deve andare da un medico per chiedere se potrebbe essere testato (che è la cosa stupida da fare per questo è come le persone potenzialmente infette possono diffondere il virus) e il medico deciderà se la persona può andare in un centro speciale da qualche parte per essere testato. Di conseguenza, meno persone saranno propense a sottoporsi al test. Anche negli Stati Uniti hanno reso il test gratuito per tutti con l'assicurazione sanitaria, inizialmente addebitando 3000K + dollari per un test!

In tutti i paesi che effettuano test effettivi, alle persone che mostrano sintomi di influenza o dimostrano di essere ad alto rischio di infezione (era in contatto con qualcuno infetto) viene chiesto di rimanere a casa e saranno prelevati da un'ambulanza speciale per essere portati in reparti speciali negli ospedali. Per gli altri i test possono essere eseguiti ovunque seguendo un protocollo rigoroso per evitare una potenziale contaminazione, anche nei laboratori, anche a casa e inviati per posta in alcuni paesi.

Di conseguenza non abbiamo idea tra gli anziani quanti siano morti di Covid 19 piuttosto che dell'influenza in Giappone. Non abbiamo idea di quante persone siano realmente infette. E come al solito con i numeri bassi che stanno mostrando, i giapponesi si vantano e diffondono i vecchi miti

se il Giappone mostra un basso numero di infezioni, è perché i giapponesi sono molto puliti con igiene impeccabile.

Come se fosse il momento della propaganda. Vedere solo la loro routine senza lavare la loro

mani, la loro maledetta gestione della situazione sulla Diamond Princess e la loro vecchia abitudine di dottorato sui dati o di non rivelarli quando non servono la buona vecchia propaganda, non credo.

Alla gente viene persino negato il test per nessun motivo valido

Gli ospedali in Giappone si rifiutano di testare molti che sospettano di avere COVID-19 | The Japan Times

Il tasso di infezione del coronavirus in Giappone potrebbe essere la "punta dell'iceberg" poiché gli esperti chiedono ulteriori test

Come la situazione è gestita in Giappone è peggiore che negli Stati Uniti se me lo chiedi. Entrambi sono una bomba che ticchetta. Se la paura in Giappone è l'economia e le Olimpiadi di Tokyo, quello che stanno facendo è il modo migliore per mettere a rischio l'evento.

Sebbene colpita piuttosto male, la Corea del Sud ha svolto un lavoro straordinario nel combattere l'epidemia e l'ha messa sotto controllo mentre parliamo. Penso che il secondo paese dopo la Cina.