Alcune persone usano il coronavirus come scusa per essere razzisti verso gli asiatici?


Risposta 1:

Nonostante il nuovo focolaio di coronavirus che abbia rovinato il Festival di Primavera per milioni di persone, il festival continua ad essere la più grande festa in Asia. I discendenti cinesi che vivono al di fuori della nazione colpita dal virus stavano cercando di unirsi ai festeggiamenti, ma il razzismo che collega cinesi o asiatici al virus è emerso in diversi paesi in un momento in cui la solidarietà avrebbe dovuto regnare.

Un netizen cinese ha pubblicato una bella foto dei suoi genitori in posa davanti alla macchina che li ha acquistati come sorpresa. E qui è arrivato questo commento.

"Resta in Cina fino a quando l'influenza non sarà scomparsa, grazie."

Foto via Twitter

Fuori da diversi ristoranti vietnamiti, i cartelli dichiarano "No Chinese". In Giappone, l'hashtag # ChineseDon'tComeToJapan ha fatto tendenza su Twitter. In Canada, ci sono notizie di bambini cinesi vittime di bullismo o individuati a scuola. Grandi lettere maiuscole che annunciano "Yellow Alert" sono state scritte accanto a una foto di una donna cinese che indossa una maschera sulla prima pagina di un giornale francese.

Perfino prestigiosi istituti di istruzione superiore come l'Università della California a Berkeley hanno definito la xenofobia anti-asiatica come una "reazione normale" che le persone possono sperimentare mentre la crisi sanitaria globale continua a svilupparsi. L'università, che ha un numero significativo di studenti asiatici, in seguito si è scusata per aver affrontato il contraccolpo.

L'elenco continua.

io

Non è sempre facile tracciare un chiaro confine tra ragionevole paura e sottile discriminazione, tuttavia molte misure prese hanno superato la loro natura "protettiva" e stanno usando il coronavirus come capro espiatorio per perpetuare il razzismo.

'Siamo contro il virus, non i cinesi'

"Tossisco in classe e tutti mi guardano. Sono paranoico di tosse", ha detto a Business Insider uno studente asiatico presso la Arizona State University, che preferisce rimanere anonimo.

Secondo lo studente, l'epidemia di coronavirus ha reso la divisione culturale tra internazionali asiatici e nativi americani nel campus "ancora più ovvia".

Un segno sulla porta di un salone di bellezza a Phu Quoc, in Vietnam, dice agli aspiranti clienti cinesi che a causa dell'epidemia di coronavirus non sono i benvenuti. / Foto di Reuters

Un altro anziano dell'Arizona ha detto: "Le persone (ma soprattutto i caucasici) mi guardano un secondo in più, immagino, un po 'di domande se sono infetto".

Ma non tutti sono così. Alcuni "simpatici", come ha affermato Shen Chunjie, residente nella Silicon Valley, "hanno aperto le braccia".

In uno screenshot che Shen ha inviato a Yitiao, uno dei marchi digitali online focalizzati sui cortometraggi cinesi, il preside della figlia dell'amica ha inviato questo messaggio a tutti i genitori dell'asilo. "Tutti possono ammalarsi, quindi per favore non isolare il cinese e chiunque sia collegato alla Cina."

"Siamo contro il virus, non i cinesi".

Anche il sindaco di Toronto John Tory ha parlato questa settimana, avvertendo del panico portato dal romanzo coronavirus e promettendo di "sostenere la comunità cinese contro la stigmatizzazione e la discriminazione".

"Non dobbiamo permettere alla paura di trionfare sui nostri valori di città", ha detto.

Eileen de Villa, capo della Toronto Public Health, ha anche avvertito mercoledì che la disinformazione sul virus ha creato "uno stigma inutile contro i membri della nostra comunità".

"La discriminazione non è accettabile. Non è utile e diffondere disinformazione non offre protezione a nessuno."

Di fronte alla minaccia di un'epidemia, indipendentemente dal virus, la xenofobia o persino il razzismo peggiorerebbero solo la situazione

.

Fonte:

https://news.cgtn.com/news/2020-02-01/-No-Chinese-Coronavirus-panic-fuels-racism-outbreak-NJ5voRyBtC/index.html


Risposta 2:

Questa non è una risposta semplice. Consentitemi di dire innanzitutto che gli Stati Uniti che vietano i voli dalla Cina e tutti i cittadini stranieri che sono stati nella provincia di Hubei dall'entrare negli Stati Uniti, potrebbero essere considerati razzisti? Altri paesi hanno specificamente vietato l'ingresso ai cittadini cinesi. È razzista? Solo una piccolissima frazione viene infettata ... probabilmente gradisce lo 0,001%, ma vietano tutti i cinesi. In America, se un determinato gruppo etnico, ad esempio la razza ABC, commette un'alta percentuale di crimini, e se discrimina una persona della razza ABC perché la sua razza commette molti crimini, anche se non l'ha mai fatto, sarebbe giusto? Questo è in effetti ciò che stanno facendo gli Stati Uniti e gli altri paesi. Discriminare contro un'intera razza o un gruppo di persone anche se potrebbero non essere infetti, fatto in nome della sicurezza della salute pubblica.

Cito questo non per criticare l'azione degli Stati Uniti ma per sottolineare i grandi rischi di qualsiasi azione intrapresa dalle autorità. Penso che poiché l'azione intrapresa è più mirata sul luogo in cui una persona è stata piuttosto che sulla sua razza, è molto probabilmente la cosa giusta da fare.

Detto questo, perché tali malattie sembrano sempre provenire dalla Cina ?? Credo che sia dovuto al cibo che mangiano, come gli animali selvatici e la preparazione non genica del cibo. La Cina deve prendere le misure appropriate per ripulire le cose.


Risposta 3:

Sì. Alcuni dicono che, poiché i cinesi mangiano cibo diverso dal nostro, hanno una malattia ora. I tedeschi mangiano vermi vivi. Gli europei occidentali mangiano il cervello di maiale. Sono latino, mangiamo pelle di maiale e zampe di gallina. Ho mangiato salsiccia argentina e pane dolce [il pane dolce non è pane, cercalo]. Altri affermano che il fallimento del comunismo cinese è la ragione per cui il virus si sta diffondendo

. Questo è oggettivamente falso.

1, la Cina non è comunista, hanno capitalismo sponsorizzato e controllato dallo stato. Se le aziende possono essere di proprietà privata, non è comunismo, è capitalismo. 2, i sistemi sanitari cinesi hanno già iniziato a costruire nuovi ospedali. Il governo cinese sbaglia molto ma questa è una cosa che stanno facendo bene. I filtri respiratori stanno aumentando di prezzo qui negli Stati Uniti. Pensi che il nostro governo costruirà nuovi ospedali se fossimo l'epicentro o pensi che le compagnie assicurative aumenterebbero le nostre tariffe?


Risposta 4:

Sì, assolutamente .. Le divisioni tra asiatici e occidentali si stanno espandendo molto rapidamente a un ritmo enorme. Non dovremmo dare la colpa al cinese per questo. È colpa di quel partito dittatore comunista ccp che fa mangiare ai propri animali animali così strani invece di verdure. A proposito, il razzismo contro gli asiatici è una pratica comune in Occidente. In questo modo cercano di mostrare la superiorità razziale diffondendo l'odio contro una razza particolare.

Quando l'influenza HN1 proveniva da maiali negli Stati Uniti pochi anni fa che causarono la morte di 18000 in tutto il mondo, nessuno prese di mira la loro etnia. Quindi è chiaro chi è razzista qui e chi è più civilizzato.