Risposta 1:

Di solito evito di cercare qualche singola spiegazione sul perché il mercato azionario declina in un dato giorno o per un periodo di tempo prolungato. Penso che possa facilmente diventare una missione da scemo, un foraggio per il propagandista politico ma che fornisce scarse informazioni sull'attività macroeconomica.

Questo perché, alla fine, il prezzo di qualsiasi capitale proprio riflette semplicemente le percezioni del mercato degli utili futuri scontati della società che ha emesso il titolo. Il mercato stesso rappresenta gli utili futuri attualizzati aggregati di ogni azione negoziata. A volte il mercato può facilmente illudersi in ciò che potrebbero essere gli utili futuri scontati di qualsiasi azienda e il risultato può essere una bolla dei prezzi delle attività, come la bolla tecnologica. Ma alla fine interviene la realtà, gli investitori si rendono conto di essersi illusi collettivamente e il mercato è svenduto.

Quindi la domanda dovrebbe essere davvero: cosa è successo di recente per provocare un sell-off così drammatico, e c'è stato qualcosa che Trump ha fatto per accelerare o aggravare il sell-off. La risposta a questa domanda è molto semplice: il mondo sta affrontando una pandemia che era in gran parte impreparata a gestire, e di conseguenza l'atto di default per molti governi e molti dei cittadini di quei governi è di mettere in quarantena e auto-quarantena. Non uscire di casa, lavorare da casa, chiudere le scuole ed evitare la folla. Ciò significa che le aziende iniziano a soffrire, e peggiore diventa la pandemia, più soffrono. I ristoranti sono vuoti; convegni, concerti, spettacoli teatrali e (osiamo dirlo) i raduni politici vengono cancellati; le imprese chiudono o chiedono ai loro lavoratori di telelavoro; le scuole sospendono le lezioni. Le implicazioni economiche sono profonde: le compagnie aeree annullano i voli, le camere d'albergo sono vuote, i grandi magazzini e i centri commerciali vedono cadere gli affari, i ristoranti e le gastronomie che si rivolgono alle folle di pranzi di lavoro rischiano di andare fuori mercato.

Tutto palle di neve da lì. Meno voli delle compagnie aeree significano meno carburanti acquistati; bassa occupazione dell'hotel significa meno acquisti di cibo e bevande per servire gli ospiti dell'hotel e meno necessità di taxi e autobus per portare gli ospiti da e per gli aeroporti; entrambi significano una riduzione del traffico su camion e ferrovia, il che significa licenziamenti nei trasporti. Più le persone vengono licenziate, più rapidamente annullano i servizi per le loro case come via cavo e internet e più riducono le spese dei loro consumatori. Ciò porta a più licenziamenti.

Non è necessario essere un economista di Wall Street per capire il successo dei guadagni futuri in questo scenario.

La domanda diventa allora quanto è Trump stesso responsabile di uno qualsiasi dei catalizzatori che ha incoraggiato il recente ciclo di svendite. Come ho già detto, affermazioni semplici, anche da parte di un buffone incompetente le cui capacità erano state ampiamente messe alla prova molto prima che si manifestasse questa crisi, probabilmente hanno un impatto limitato perché sono così superficiali e così transitorie. Ma Trump è il cosiddetto presidente e ha istituito politiche che hanno chiaramente danneggiato le percezioni del mercato sui guadagni futuri.

Ricorda, siamo entrati in questa crisi medica dopo oltre un anno di guerre commerciali, e quelle stavano già avendo un enorme impatto negativo sulla crescita del PIL globale. La guerra commerciale ha sicuramente influito negativamente sulla crescita del PIL degli Stati Uniti, con il PIL del 2019 che si è attestato intorno al 2%. L'agricoltura americana è stata devastata dalla perdita dei mercati cinesi e la produzione americana è stata in lieve recessione per tutto il 2019.

Quindi, probabilmente, il mercato era già un po 'traballante dopo la sua crisi post-Grande di dieci anni, in gran parte a causa delle politiche che Trump aveva istituito. Quindi con la crisi del coronavirus ha semplicemente peggiorato le cose. Quando fu chiaro che il virus rappresentava una minaccia globale, la sua amministrazione puniva la sua amministrazione, fingendo che non vi fosse alcuna minaccia per gli Stati Uniti e quindi non prendendo provvedimenti per evitare un focolaio. I kit di test non sono ancora disponibili negli Stati Uniti e la mancanza di test significa che l'unica alternativa che le comunità locali hanno è quella di imporre il "distanziamento sociale". Come abbiamo visto, questo allontanamento sociale ha comportato un costo economico enorme. Aggiungete a ciò il riconoscimento che l'amministrazione ha licenziato il ben noto team di risposta alla pandemia globale nel Consiglio di sicurezza nazionale perché era una creazione dell'amministrazione Obama - dimostrando ulteriormente che il team di Trump non ha idea di come rispondere alla crisi - e il mercato è garantito per diventare ancora più nervoso.

Quindi i numeri hanno iniziato a salire e la risposta di Trump è stata quella di prendere provvedimenti per proteggere la percezione del paese di quei numeri. Quindi un'intera nave da crociera è rimasta a languire al largo della costa della California, condannando l'intero complemento di passeggeri ed equipaggio a potenziali infezioni, perché Trump non voleva che gli infetti aumentassero il "suo numero". Teoria di cospirazione? No, lo ha detto in televisione.

Il suo ultimo passo falso, ovviamente, è quello di fermare arbitrariamente tutti i voli dall'Europa, sebbene prima abbia inspiegabilmente escluso il Regno Unito e l'Irlanda da quel divieto. La gente si rese presto conto che aveva campi da golf nel Regno Unito e in Irlanda, quindi questo spiega. Ma in entrambi i casi, Trump ha appena inviato aspettative future sugli utili per un bel po 'di aziende su una scogliera.

Tutto ciò si combina per spaventare il mercato. Aggiungete a questi shock esogeni, come quello della guerra del petrolio alla produzione di birra tra Arabia Saudita e Russia, e questo non è bastato solo per spaventare il mercato azionario, ma anche i mercati obbligazionari.

Venerdì 13 marzo, i mercati statunitensi sono finiti, con l'indice S&P 500 che ha riportato il 9,29%. Sembra fantastico, come se avessimo svoltato un angolo. Tranne che è ancora -19,8% negli ultimi trenta giorni e -16,09% da inizio anno. Non aspettarti che questo sia il rimbalzo. Perché? Perché nulla di quanto è accaduto ieri indica che siamo di nuovo sulla buona strada per ripristinare la fiducia del mercato che i mercati azionari attualmente riflettono utili futuri scontati. Perché nulla di quello che è successo ieri ha qualcosa a che fare con i guadagni futuri.

Questa è una crisi finanziaria che è in gran parte il risultato di una crisi medica mal gestita in aggiunta alla politica macroeconomica statunitense mal progettata e attuata. Entrambi sono su Trump. Se vuoi chiederti quanta parte della crisi è legata a qualcosa di Trumpian, sono le sue politiche, non le sue dichiarazioni, dove devi puntare il dito.


Risposta 2:

Un fattore, certamente. A Wall Street non piacciono le incertezze e ce ne sono molte sul Coronavirus. Fino a quando ea meno che non sia stato sviluppato un vaccino, nessuno sa se la malattia alla fine sarà devastante come l'influenza spagnola e come saranno colpite le imprese.

Wall Streeters sa anche che Trump è ossessionato dalle sue prospettive di rielezione e per questo motivo non si adeguerà al popolo americano su quanto sia grave. Ecco perché nessun dipendente del governo può rilasciare informazioni su Coronavirus direttamente ai media; deve andare tutto a Mike Pence, che decide cosa rilascerà e quando. E come barboncino di Trump, non è più affidabile di Trump stesso. Trump non sa assolutamente nulla delle malattie infettive; testimonia la sua domanda sul perché il vaccino antinfluenzale già esistente non proteggerà dal Coronavirus. Non credo che nessun medico abbia fiducia nella sua proposta di "cura", l'ennesimo taglio delle tasse.

La nuova guerra dei prezzi tra Vladimir Putin e il principe ereditario Mohammed bin Salman sul greggio non aiuta neanche Wall Street, ma almeno gli americani sanno che una guerra dei prezzi non li farà star male.


Risposta 3:

No. I gestori di hedge fund e i gestori dei fondi 401K ecc. Hanno tutti una cosa in comune: se ottengono il minimo soffio di un problema, vogliono essere i PRIMI OUT THE DOOR.

Quindi hanno reagito ai media per aver ipnotizzato quello che altrimenti sarebbe un virus abbastanza innocuo.

Non appena il virus non farà più notizia, il mercato tornerà.


Risposta 4:

Le dichiarazioni del presidente Trump sul Caronavirus sono un fattore importante nel declino di Wall Street?

Semmai, le dichiarazioni di Trump hanno impedito alle cose di andare peggio. Il virus ha interrotto le linee di approvvigionamento dalla Cina e, come abbiamo visto il 9 marzo, la RUSSIA e i sauditi sono entrati in una guerra dei prezzi del petrolio che ha fatto scendere il mercato di oltre il 7% in un giorno.

Se ovviamente possiamo aspettarci che Trump sottolinei che ciò è negativo per il settore del petrolio, ma ottimo per l'economia: i prezzi delle pompe sono diminuiti di $ 0,15 in un giorno, i prezzi dell'olio combustibile diminuiranno e le persone avranno denaro gratuito da spendere per altri articoli domestici.

Wall Street viene risucchiata quando settori come l'energia cadono.


Risposta 5:

È un fattore. Ciò che Trump ha fatto o non ha detto è solo una parte di esso. La preoccupazione generale per CoVid 19 è un'altra.

Aggiungete a ciò il fatto che molte "cose" sono fatte in Cina. Gli Stati Uniti non possono importare o vendere cose che al momento non vengono realizzate. Ciò significa che le vendite diminuiscono. Le vendite che diminuiscono significano che il profitto scende. Il mercato non così.

La Russia e l'Arabia Saudita hanno iniziato una gara di pipì sul petrolio. I futures sul petrolio sono in calo. (Questo è stato un fattore importante nel calo del 3/9.) Il mercato reagisce.


Risposta 6:

D:

Le dichiarazioni del presidente Trump sul Caronavirus sono un fattore importante nel declino di Wall Street?

UN:

Al contrario. Ricorda che l'obiettivo finale dei capitali è realizzare profitti / massimizzare i profitti. A loro non importa ciò che ha detto il politico, a loro importa quello che hanno fatto e / o stanno facendo e / o faranno. CoVID-19 è una cosa, il petrolio greggio è un'altra. Quindi dove / quale mercato potrebbe permettere a quelle capitali / "lupo di wall street" di fare soldi in sicurezza? Gli Stati Uniti si stanno davvero preparando per il COVID-19? I fatti parlano da soli. E quegli investitori sono molto più consapevoli, ragionevoli e calcolatori della maggior parte delle persone.


Risposta 7:

È stupidità ora provare a incolpare un virus su Trump o sulla sua amministrazione. La sua amministrazione ha agito rapidamente nominando una squadra eccellente. Il presidente Obama non ha imposto un divieto di viaggio alle sars. Penso che abbiamo imparato dalle ultime diverse paure. È assolutamente ingiusto criticare Trump quando dovremmo sostenerci a vicenda.